Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Tour de France, rivoluzione dopo il pavé. Van Avermaet in giallo, Nibali a 6” da Froome

 

La nona tappa del Tour da Arras a Roubaix di 156.5 chilometri, se l’aggiudica Degenkolb in 3 ore 24 minuti e 26 secondi. Dietro la maglia gialla Van Avermaet e Lampaert. Quarto Gilbert, poi Peter Sagan, maglia verde. Ancora una caduta, una foratura, quella agli ultimi chilometri di Bardet e un ritiro, quello di Rice Porte.È stata una corsa con ritmi elevati e con diversi gruppi formatesi via via fino all’arrivo. Tanti colpi di scena in una tappa che alla fine ha visto trionfare il tedesco Degenkolb sulla maglia gialla Van Avermaet che si consolida in testa alla classifica generale. Grande protagonista di giornata il pavé, 15 settori per un totale di 21,7km da percorrere sulle pietre dell’Inferno del Nord, mai così tanti rispetto alle precedenti edizioni della Grande Boucle. Il percorso ha seguito gran parte delle strade della monumentale Parigi-Roubaix. Primi 45 chilometri pianeggianti e privi di insidie, poi a 47,5km il primo dei quindici tratti in pavé, l’Escaudœuvres-Thun, lungo 1600 metri. Primo traguardo volante situato a Wasnes-Au-Bac (a 59km) tra il secondo e il terzo settore. Una “pausa” di 17 chilometri fra il terzo e il quarto, dopodiché sono iniziati dodici tratti sul pavé: il più lungo è il settimo, Auchy-Bersée (2700 metri), quando mancavano 52km all’arrivo. Decisivi sono stati gli ultimi due settori (preceduti dallo sprint bonus di Wannehain) con le gambe già messe a dura prova: lo Champin-en-Pévèle a 17km dal traguardo e il Willems-Hem ai -8km.Ottima giornata per Lo squalo e la Pulce Lucana. Nibali e Pozzovivo nel terzo gruppo che arriva al traguardo. Vincenzo Nibali e Chris Froome positivi nel gruppo di testadove si è fatto apprezzare anche Tom Dumoulin, Mikael Landa ha lasciato per strada dei secondi molto importanti. Ora Nibali è 12 esimo in classifica con un ritardo dalla maglia gialla di 1 minuto e 48 secondi. Il Lucano Pozzovivo recupera posizioni in classifica. E minuti. Il suo ritardo si attesta a soli 2 minuti e 48 secondi. Dietro a Pozzovivo Nairo Quintana, la maglia verde e Peter Sagan. Domani prima giornata di riposo. Poi la decima Annecy-Le Grand-Bornand di 158,5 chilometri.  Per gli scalatori sarà fondamentale recuperare le forze utilizzate per cercare di limitare i danni sugli oltre 20km di pietre dell’Inferno del Nord, prima di affrontare le ascese sulle Alpi.

Oreste Roberto Lanza

 

Editoriale

Grillo e l’autismo. È lo stigma il danno maggiore di quei cinque minuti di follia

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Perché i cinque minuti di follia di Beppe Grillo al...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione