Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

Calcio Lega Pro, Gir.C: il Matera deve piegarsi al Catania

Allo stadio XXI Settembre-Franco Salerno, Matera- Catania 0-2. Partita in calendario per la terza giornata, da giocare il 25 settembre, posposta, a causa delle querelle riguardanti il ripescaggio, al 20 novembre e, successivamente, su richiesta del club etneo, ad oggi. Due squadre con obiettivi diversi: Matera con l’obiettivo salvezza, Catania estremo tentativo di accedere alla promozione nella serie cadetta. Distanti in classifica.I rossoazzurri, al quarto posto con 21 punti, biancoazzurri, invece, al terzultimo posto con 3 punti. Senza la penalizzazione di 8 punti, il Matera sarebbe in tutt’altra posizione.Classifica cannonieri biancoazzurra sempre guidata dalla doppia Ricci-Scaringella, entrambi con tre reti. I due, sono andati a segno nell’ultimo weekend contro il Siracusa. Il Catania con il bomber rossoazzurro Marotta con sole quattro reti. Arbitro dell’incontro il fischietto emiliano Bitonti, coadiuvato da Domenico Palermo e Michele Falco, entrambi della sezione di Bari. In carriera Paolo Bitonti della sezione di Bologna, ha diretto ben 91 partite con 358 cartellini gialli, 13 doppi cartellini gialli, 20 cartellini gialli e 30 calci di rigori concessi. In serie C ha diretto 20 incontri, 37 in Serie D, 13 nel torneo Primavera, 19 nel campionato Under 17 e 2 per quanto riguarda la Viareggio Cup. Queste le curiosità per il Bar degli sportivi. Pronti e via. Matera in casacca Bianca, Catania in completo giallo. Primi minuti di partita con le due squadre che si affrontano a viso aperto. Matera che tiene il campo bene e Catania con difficoltà riesce a superare la retroguardia lucana.Al 5’ ci prova Barrisci con una bella botta dalla lunga distanza: palla di pochissimo alta. Al 13’ il primo corner è del Catania. Pareggio dei calci d’angolo al 20’ per il Matera con palla senza seguito.Al 30’ ancora Matera a creare pericolo nella difesa degli ospiti.Al 35’ su punizione di Lodi è Aya che prova l’incornata: ottimo l’intervento di Farroni in corner.Il Catania a tratti gioca con ripartenze efficace che producono pericolo saltuari. Quattro minuti dopo, al 38’, gli etnei, trovano il vantaggio. Fa tutto Vassallo che prende palla sulla trequarti e scarica un destro imprendibile per Farroni. Un eurogol di grande fattura calcistica. La reazione del Matera c’è ma i biancoazzurri non riescono ad impensierire Pisseri: la retroguardia etnea tiene bene.Niente da fare per i Lucani che rientrano negli spogliatoi in svantaggio di una rete. Seconda frazione di gioco senza nessuna sostituzione. Il Catania galvanizzato dalla rete di vantaggio cerca il raddoppio senza riuscirci.Il Matera sulle linee esterne del centrocampo alla ricerca della palla buona per creare pericoli alla difesa degli ospiti siciliani. Partita che si fa brutta e soprattutto nervosa. Tant’è che il Matera resta anche in dieci per via dell’espulsione di Sepe per doppia ammonizione. Al 57’ l’allenatore lucano Imbimbo procede ad un triplo cambio. Entrano Garufi, Galdean e Scaringella, escono Corso, Orlando e Triarico. Centrocampo e attacco ridisegnati. Obiettivo arrivare al pareggio almeno. Sei minuti l’allenatore siciliano Sottil corre ai ripari e procede ad una doppia sostituzione. Al 63’ escono Barisic e Curiale, entrano Marotta e MannehIn dieci contro undici il Matera gioca a viso aperto senza alcuna esitazione o paura. Al 87’ Imbimbo manda in campo l’attaccante Dammacco al posto del metodista Bangu. All’85’ ancora una sostituzione per il Matera. Esce Genovese, entra Risalita. Il Matera non ne ha più e il Catania prende campo.Matera che cerca il pareggio e il Catania si difende con ordine.Cinque minuti di recupero, con Sottil che sostituisce Vassallo con Calapai. Proprio il nuovo entrato va in rete al 94’. Fa tutto Marotta che mette palla al centro: Farroni allontana ma Calapai insacca. Il Matera ci ha provato ma sapeva che le chance di uscire indenni da questo tipo di sfida erano poche. Però, ancora una volta, la prova è stata importante.

MATERA – CATANIA 0-2

MATERA (4-4-2):Farroni, Risaliti (40’st Genovese), Stendardo, Auriletto, Sepe, Triarico (dal 12’ st Garufi), Corso (dal 12’ st Galdean), Bangu (32’st Dammacco), Ricci, Orlando, Corado (12’st Scaringella). A disp.: Guarnone, Milizia, Sgambati, ElHilali, Lorefice, Grieco, Casiello. All.: Imbimbo.

CATANIA (4-2-3-1): Pisseri, Ciancio, Esposito, Aya, Scaglia (29’st Baraye), Bucolo (29’st Biagianti), Rizzo, Barisic (19’st Marotta), Lodi, Vassallo (dal 45’ st Calapai), Curiale (19’st Manneh). A disp.: Pulidori, Lovric, Angiulli, Llama, Brodic. All.: Sottil.

ARBITRO: Paolo Bitonti di Bologna.

RETI: al 39’ pt Vassallo (C), al 94’ st Calapai (C).

NOTE: Espulsi: al 22’ st Sepe (M) per doppia ammonizione. Ammoniti: Sepe, Bangu, Corado (M) e Barisic, Vassallo, Curiale (C). Recupero: 0’ pt-5’ st Angoli: 5-2 per il Catania. Spettatori: 1700 circa.

Oreste Roberto Lanza

 

Editoriale

Grillo e l’autismo. È lo stigma il danno maggiore di quei cinque minuti di follia

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Perché i cinque minuti di follia di Beppe Grillo al...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato. La redazione si riserva il diritto di valutare la pubblicazione degli articoli. Si precisa che la mera pubblicazione degli articoli non costituisce in nessun modo vincolo di compenso o di contratto per la redazione