Brutto epilogo di una società che ha visto il totale disinteresse degli imprenditori locali

Matera escluso anche dal campionato di serie D. Dopo il provvedimento del 13 febbraio scorso della Lega Pro che escludeva il Matera calcio dal campionato, ieri alle ore 13 scadeva il termine per la richiesta di iscrizione al campionato semi professionistico di Serie D. Era necessario almeno il deposito di una manifestazione di interesse per procedere, successivamente, al deposito della documentazione per completare l’iscrizione. Pare che il plico inviato contenesse documentazione non pertinente a quelle richieste dall’avviso e per tale ragione irricevibile. Occorreva presentare un piano triennale della attività sportive, corredato da un business plan con la specifica delle attività di investimento per ogni annualità, fornendo inoltre tutte le garanzie circa la solidità economica necessaria a sostenere l'attività.

I partecipanti, inoltre, avrebbero dovuto inoltrare anche una richiesta di utilizzo dello stadio comunale XXI settembre "Franco Salerno", con la possibilità anche di esprimere manifestazioni di interesse e proposte di project financing riguardanti la riqualificazione e la gestione dello stadio. Dall’istruttoria effettuata dagli organi preposti, la documentazione è risultata non rispondente ai criteri previsti dall’avviso e per tale ragione è stata rigettata. Ora la prospettiva è quella di aderire al campionato regionale di eccellenza. Su questo pare stiano operando diversi imprenditori locali per contribuire, almeno a far ripartire il calcio nella città dei sassi e non disperdere una gloriosa tradizione. Per il momento per la Matera calcistica il pallone rimane sgonfio.

Oreste Roberto Lanza

 


0
0
0
s2sdefault

sponsor

Sponsor