Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

A+ A A-

L’Olimpia Bawer Matera si arrende in un finale incredibile a Venafro

L’Olimpia Bawer Matera non sfrutta l’occasionissima per avvicinare la coppia San Severo-Pescara al quarto e quinto posto della classifica. Una gara quasi perfetta, per tre quarti giocata benissimo e ampiamente dominata. Il massimo vantaggio sul +20 e la sicurezza di poter chiudere in scioltezza l’incontro. Poi si spegne la luce, la stanchezza inizia a fare effetto su una squadra ridotta all’osso dall’indisponibilità di Lestini (presente solo per onor di firma) e dall’infortunio di Ravazzani, che dopo il primo quarto gioca solamente sprazzi di gara. Nell’ultimo quarto la lucidità dei piccoli si assottiglia minuto dopo minuto ed è soprattutto il finale a pesare tantissimo, quando Vanafro trova l’unico vantaggio della partita, a 4” dal termine, quello decisivo. Finisce con una sconfitta che fa male, soprattutto al morale. Miriello è obbligato a fare a meno di Lestini, che soffre per una caviglia in disordine (infortunio rimediato contro Rimini una settimana fa) e sceglie Grande, Zampolli, Cantagalli, Laudoni e Ravazzani per il suo starting five. Dall’altra parte i padroni di casa guidati da Mascio, iniziano con Rossi, Liburdi, Tamburrini, Moretti e l’ex di turno, Migliori. Il primo canestro è di Liburdi, dalla lunetta, ma presto Matera prende in mano il match, con Ravazzani e Laudoni (4-7). Distanze mantenute e allungo nella seconda parte del primo quarto con Laudoni e la tripla di Zampolli al 7’04” (8-17). Nell’ultimo minuto arriva anche la tripla di capitan Cantagalli, che lancia sul +10 i biancazzurri (12-22). Dopo la breve pausa Tamburrini prova a caricare il ritorno dei suoi, ma l’Olimpia tiene bene e risponde colpo su colpo con Grande che sigla il +12 (18-30). Uno straripante Liburdi entra prepotentemente tra i protagonisti della gara. Otto punti consecutivi (che alla fine saranno ben 33), rimettono in partita Venafro (26-32) e, il tiro dall’area di Moretti al 17’09” costringe Miriello ai time out. Effetto immediato. I punti di Zampolli, Ba, Ravazzani e Grande mandano le squadre negli spogliatoi sul 30-45. La seconda parte di match inizia con il canestro di Rossi, ma la risposta di Laudoni dai 6,75 porta l’Olimpia sul +16 (32-48). Liburdi e un grande momento di Migliori ridimensionano il gap (40-50). Ma, ancora Laudoni, Grande e Ravazzani lanciano lontano i biancazzurri ospiti, portando il risultato sino al massimo vantaggio di +20 al 28’28” con la tripla finale di Zampolli (45-65). Liburdi e i due liberi di Tamburrini, inframezzati dal canestro di Ravazzani, chiudono il terzo quarto (49-67). Ma nell’ultimo parziale dell’incontro qualcosa in casa Olimpia si inceppa. La stanchezza dei piccoli fa la differenza nelle scelte, i padroni di casa del Venafro prendono coraggio e iniziano a trovare canestro ad ogni occasione. Al 35’ comunque l’Olimpia contiene il ritorno dei padroni di casa, tenendo un +13 importante (58-71). Ma il canestro di Liburdi al 35’58” spezza in due la gara. Moretti realizza da tre e il divario scende sotto i dieci punti (63-72). Rossi accorcia ancora (72-76) e il tecnico a Laudoni porta Migliori in lunetta. L’argentino non sbaglia e porta ad un possesso il divario tra le squadre (73-76). Reazione Olimpia, ma la tripla di Migliori porta a -1 i padroni di casa a 26” dalla sirena finale. Cantagalli realizza solo un libero, Liburdi sigla il pari a 14” dalla fine. Rossi mette la tripla del vantaggio decisivo a 4” dalla fine, mentre l’Olimpia a pezzi fisicamente e psicologicamente sbaglia l’ultima rimessa. Alla sirena è festa Venafro, ormai quasi salva aritmeticamente. Rimpianti per l’Olimpia.

Al Discount Venafro - Olimpia Bawer Matera 83-80 (12-22, 30-45, 49-67)

Al Discount Venafro: Mauro Liburdi 33 (12/16, 1/4), Franco Migliori 17 (4/7, 1/6), Gioele Moretti 15 (4/6, 1/4), Marco Rossi 12 (3/5, 2/5), Mario Tamburrini 6 (2/9, 0/1), Sasha Kushchev, Raffaele Minchella, Antonio Manzi, Pasquale Pirozzi ne, Luca Cancelli ne. All. Mascio.

Olimpia Bawer Matera: Alessandro Grande 19 (7/13, 1/6), Stefano Laudoni 16 (4/6, 2/5), Nicolò Ravazzani 14 (7/9), Gianni Cantagalli 13 (1/3, 1/7), Gionata Zampolli 13 (3/6, 2/6), Adama Ba 4 (2/3), Matteo Annese 1, Federico Lestini, Gabriele Pacifico ne, Giovanni Loperfido ne. All. Miriello.

Arbitri: Picchi di Frosinone e Di Gennaro di Roma.

Commenta l'articolo

 

Editoriale

Il rogo del clochard, la pira dell’odio e il messaggio di Francesco

Francesco Addolorato - avatar Francesco Addolorato

Immagini scioccanti, indignazione, fiaccolate e il classico rituale dei mea...

Contattaci all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Redazione

Powered By ComunicareIdee

BasilicataNotizie è una testata giornalistica iscritta nel Registro dei Periodici del Tribunale di Lagonegro (art. 5 L. 47/1048) N. Reg. Per. 4/2012 del 02/05/2012 - Diretta da Francesco Addolorato